News

Tutte le novità dal mondo dell’energia

Iscriviti alla newsletter o segui le nostre news per tenerti sempre aggiornato sui più recenti bandi nel settore energia, sulle novità normative e sugli interventi di efficientamento energetico che abbiamo realizzato.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ALI ENERGIA

Indietro

Weekly outlook Ali Energia – settimana 02 2023


17-01-2023

Panoramica mercati

I mercati azionari europei hanno iniziato la settimana con prezzi leggermente in rialzo nella maggior parte dei mercati (Eurostoxx 600 +0,5%) mentre gli Stati Uniti erano chiusi per il Martin Luther King Day. Il mercato dei futures indica tassi leggermente in calo all’apertura di oggi sia in Europa che negli Stati Uniti. Le borse asiatiche (Hong Kong e Shanghai) sono appesantite dai dati di crescita cinesi deboli, anche se migliori del previsto, per lo scorso anno, mentre il Giappone sta andando controcorrente con uno yen leggermente più debole in vista dell’annuncio sui tassi di interesse della Banca del Giappone di domani (qui di seguito). Lo yen è ancora scambiato intorno ai livelli più alti da maggio. All’ordine del giorno di oggi, tra l’altro, i primi indicatori di sentiment di gennaio provenienti rispettivamente dalla Germania (indice ZEW) e da New York, nonché i report di alcune importanti banche americane; Goldman Sachs e Morgan Stanley, nonché una serie di figure della banca centrale. Il PIL cinese è cresciuto nel quarto trimestre del 2,9% su base annua, in calo rispetto al 3,9% del trimestre precedente. La crescita per tutto il 2022 si è così conclusa al 3,0%, ben al di sotto dell’obiettivo di crescita ufficiale di “circa il 5,5%”, uno dei peggiori risultati dalla Rivoluzione culturale degli anni ’70. La previsione era per una crescita dell’1,6% nel quarto trimestre e del 2,7% per l’intero anno, e anche i dati sulla produzione industriale e sulle vendite al dettaglio di dicembre hanno superato le stime.

OIL

Venerdì il prezzo del Brent 1st-nearby è salito sopra gli 85 $/b, anche stamattina sta scambiando intorno a questo livello. Il forte aumento della scorsa settimana (+8,5%) è dovuto principalmente alla prospettiva di una minore stretta monetaria che ha sostenuto tutti gli asset rischiosi. Giocano un ruolo positivo anche le speranze di un rimbalzo della domanda cinese, mentre i rischi legati ad un calo dell’offerta russa sono attualmente considerati molto bassi, come dimostra l’andamento della curva forward in contango nella sua parte più corta. Il potenziale di rialzo ora sembra diminuire: le posizioni corte sono aumentate e le posizioni lunghe nette sono al minimo da 3 settimane. Secondo un sondaggio condotto dalla Fed di Kansas City, i produttori statunitensi di shale oil prenderebbero in considerazione l’aumento della produzione solo se i prezzi del WTI salissero vicino a 90 $/b, ovvero 10 $/b al di sopra dei livelli attuali. Con l’aumento dei costi del credito e dell’inflazione, il punto di pareggio è stimato a 64 $/b. A ciò si aggiunge l’incertezza sugli sviluppi normativi. Secondo FGE, i flussi di prodotti petroliferi russi vengono reindirizzati verso l’Asia prima dell’embargo dell’UE all’inizio di febbraio. I crack spread su benzina e diesel sembrano essere nuovamente in aumento. Outlook: sideways

GAS

La depressione dei consumi continua ad essere protagonista, non solo per effetto di temperature miti e output da fonti rinnovabili importante ma anche per la “disruption” effetto prezzi che ha dilaniato la domanda invernale. Da qui a fine mese però la situazione potrebbe cambiare con il freddo e il poco vento a guidare l’attesa ripresa dei consumi gas. Invece, su febbraio, le previsioni meteo rimangono “calde” alimentando l’orientamento ribassista del mercato gas. Gli stoccaggi rimangono quindi pieni e le prospettive per la stagione estiva di riempimento sono molto più ottimistiche di quelle dell’anno scorso. La supply norvegese e russa rimangono vagamente stabili, mentre i contratti di approvvigionamento dal nord-Africa vengono ottimizzati con una riduzione del flusso. L’LNG è ancora prepotentemente presente ma in flessione rispetto a dicembre con un mercato in competizione con l’Asia che dovrebbe ridurre le programmazioni di navi in arrivo rispetto agli ultimi mesi record. Il mercato in questa fase sembra cercare con difficoltà un supporto, quello che potrebbe far rigermogliare la domanda (con un occhio sempre rivolto alla Cina). Questa mattina il mese di febbraio TTF scambia a 53 €/MWh (PSV-TTF febbraio +0,65 €/MWh) mentre la summer23 TTF a 55,5 €/MWh (PSV-TTF sum23 +1,3 €/MWh). Outlook: sideways-bearish

Power

Temperature sotto media stagionale per questa settimana portano il carico a salire repentinamente. Il vento in Italia resta l’elemento mitigatore insieme alle precipitazioni copiose, in previsione fino a venerdì. Lo spark spread clean netto italiano sullo spot potrebbe tornare ad essere positivo sulle delivery dei giorni feriali di questa settimana. Anche Francia e Germania vedono una risalita del carico ma un vento molto debole a partire da domani, situazione che potrebbe mettere un po’ di tensione sui prezzi. Gli spreads Italia-Germania sulla curva tendono ad allargarsi su questa prima parte dell’anno, in particolare sui quarters e sul cal 24. L’Italia recupera così un po’ di forza rispetto alla Germania invertendo la tendenza dell’ultimo quarter 2022. I cal 2024, valutati singolarmente, invece, restano ancora molto deboli e scambiano ben al di sotto delle principali medie mobili con l’oscillatore RSI in zona di ipervenduto. Outlook: sideways-bearish

CO2

Il prezzo del contratto EUA dec-23 ieri sera ha chiuso a 77,52 €/ton in calo rispetto al close di venerdì 79,63 €/ton. Il prezzo EUA ha iniziato la settimana con una nota ribassista, scendendo insieme al crollo dei prezzi del gas TTF. I due hanno mostrato una correlazione piuttosto stretta e positiva nelle ultime settimane, che potrebbe persistere questa settimana. Ciò potrebbe essere guidato dal ritorno delle dinamiche di “cambio di combustibile” dopo che il forte calo dei prezzi del gas ha reso le centrali a gas, più efficienti, più competitive delle centrali a carbone meno efficienti. L’aumento delle offerte all’asta questa settimana potrebbe aggiungere una certa pressione al ribasso. La prospettiva di un clima più freddo nel continente questa settimana potrebbe fornire un certo supporto. Gli input dagli indicatori tecnici sono neutri. Ci saranno cinque aste questa settimana a causa dell’asta polacca bisettimanale. La prospettiva di maggiori forniture all’asta potrebbe esercitare una certa pressione sui prezzi EUA. Nella settimana scorsa i volumi degli scambi sono aumentati rispetto a quella precedente, indicando che più partecipanti sono tornati sul mercato dopo le festività natalizie. I volumi giornalieri sono stati compresi tra 17 e 19 Mt per il contratto front-dic su ICE. I dati Commitment of Traders di mercoledì scorso hanno mostrato che le posizioni corte nette dei fondi di investimento sono aumentate di 4,5 milioni la scorsa settimana a 5 milioni. Ciò potrebbe in parte spiegare il calo dei prezzi EUA nella settimana precedente. Outlook: sideways


Weekly outlook Ali Energia – settimana 04 2023


31-01-2023

Deciso abbassamento delle temperature sulla prossima settimana. L’ultimo run a 45 giorni ci mostra una prima settimana di febbraio con temperature che potrebbero andare molto al di sotto della media stagionale.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 03 2023


24-01-2023

Gli spread Germania-Italia sulla curva si stanno allargando rispetto all’inizio dell’anno, e anche lo spread sul cal 2024 torna positivo, rispetto alla partenza a quasi -30 €/MWh di inizio 2023

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 02 2023


17-01-2023

Temperature sotto media stagionale per questa settimana portano il carico a salire repentinamente. Outlook: sideways-bearish

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 01 2023


10-01-2023

Inizio di anno molto tranquillo per i prezzi spot power un po’ovunque e, in particolare, in Francia e Germania.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 47


13-12-2022

Si avvicina il traguardo per il mercato azionario 2022.

Dicembre normalmente è un mese positivo per i mercati azionari statunitensi.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 46


06-12-2022

I dati Commitment of Traders di mercoledì scorso hanno mostrato che la settimana terminata il 25 novembre ha visto un aumento di 4,6 milioni di tonnellate su base settimanale delle posizioni lunghe nette dei fondi di investimento.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 45


22-11-2022

Power: questa settimana vede un abbassamento repentino delle temperature andando a sostenere i prezzi sui primi giorni di dicembre.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 44


15-11-2022

Il brent stamattina viene scambiato intorno ai 92 $/b. I prezzi del petrolio durante la settimana scorsa hanno inizialmente beneficiato del generale movimento al rialzo degli asset rischiosi dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti giovedì che ha portato a una revisione al ribasso delle aspettative di inasprimento monetario della Fed.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 43


08-11-2022

Dopo un riavvicinamento verso la media stagionale delle temperature, lo scorso weekend, il meteo torna ad essere decisamente mild per le prossime settimane.

Leggi di più