News

Tutte le novità dal mondo dell’energia

Iscriviti alla newsletter o segui le nostre news per tenerti sempre aggiornato sui più recenti bandi nel settore energia, sulle novità normative e sugli interventi di efficientamento energetico che abbiamo realizzato.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ALI ENERGIA

Indietro

Weekly outlook Ali Energia – settimana 10 2023


14-03-2023

Panoramica mercati

Le conseguenze del crollo delle banche statunitensi della scorsa settimana continuano a dominare i mercati. In Europa, ieri i grandi indici del mercato azionario (Stoxx 600) sono scesi del 2,3% con forti ribassi dei prezzi nelle principali banche come Commerzbank (-12%) e Credit Suisse (-9%). Tuttavia, i salvataggi presentati negli Stati Uniti durante il fine settimana e le ridotte aspettative di rialzi dei tassi da parte della Fed hanno contribuito a stabilizzare il sentiment negli Stati Uniti. Gli indici azionari generali hanno chiuso leggermente al ribasso (S&P500 -0,15%) e l’indice Nasdaq, pesantemente tecnologico e più sensibile agli interessi, è salito (+0,45%). Tuttavia, i prezzi delle banche regionali negli Stati Uniti hanno continuato a scendere sui rischi di nuove crisi di fiducia. I future ora puntano verso un’apertura positiva del mercato azionario sia negli Stati Uniti che in Europa.
In Asia, invece, le borse sono ancora in rosso, con ribassi intorno all’1-2% in Cina e Giappone. I rendimenti lunghi statunitensi sono aumentati di alcuni punti durante la notte, ma il calo dalla fine della settimana rimane drammatico; Il tasso di interesse a due anni è ora scambiato al 4% rispetto a oltre il 5% a metà della scorsa settimana, mentre il tasso di interesse a 10 anni è sceso da circa il 4% a circa il 3,5%. La coppia EUR/USD è stata sostenuta dalla fiducia in una Fed più debole e ora viene scambiata intorno a 1,07, in rialzo da 1,05 a metà della scorsa settimana.

Oil

Il Brent sta scambiando a 79,77 $/b. I prezzi sono scesi stamattina di oltre $ 1/b, estendendo lo scivolone del giorno precedente, mentre il crollo della Silicon Valley Bank ha scosso i mercati azionari e ha suscitato timori per una nuova crisi finanziaria. Lunedì il Brent è sceso al minimo da inizio gennaio, mentre il WTI è sceso al minimo da dicembre. Oltre alle onde d’urto della Silicon Valley Bank, anche i prezzi del petrolio sono stati sotto pressione a causa dei segnali di una ripresa economica più debole del previsto in Cina, nonostante la revoca delle sue rigide restrizioni COVID-1.
L’ufficio statistico cinese ha pubblicato i dati la scorsa settimana che mostrano che l’inflazione al consumo nella seconda economia più grande del mondo è rallentata al tasso più basso in un anno a febbraio, poiché gli acquirenti sono rimasti cauti anche dopo che i limiti della pandemia sono stati revocati alla fine del 2022.
Outlook: sideways

Gas

Le problematiche sui reattori nucleari francesi fanno da driver rialzista, riportando volatilità anche sul mercato gas. I fondamentali di breve-medio periodo rimangono però sempre bearish, domanda scarica e supply rosea. Unico neo, lato supply, è quello legato agli scioperi in Francia che impattano sul funzionamento dei rigassificatori azzerandone il sendout (circa 100mcm/d ancora fuori fino al 17 marzo). I flussi algerini in ingresso in Italia vedono invece un cospicuo rialzo. Ancora mancanti le indicazioni relative alla campagna d’iniezione negli stoccaggi italiani per l’estate, ma gli ottimi livelli di giacenza non impensieriscono il mercato.

Questa mattina il mese di aprile TTF scambia a 46,7 €/MWh (PSV-TTF +0,2 €/MWh) mentre il WIN23 TTF a 54,2 €/MWh (PSV-TTF -1,025 €/MWh).
Outlook: sideways

Power

Spot nuovamente debole su questa settimana caratterizzata da temperature, vento e piogge sopra media stagionale. La primavera sembra decisamente anticipata e il resto di marzo ad oggi presenta un outlook bearishGli scioperi in Francia partiti diverse settimane fa per contestare la riforma delle pensioni, proseguono, e, dal 7 di marzo è stato dichiarato uno sciopero ad oltranza. A causa degli scioperi sono stati messi offline diversi terminali di LNG creando tensioni lato gas. Dall’altra parte la scorsa settimana sono arrivate notizie relativamente ad un crepa che la società EDF ha comunicato all’ASN (Autorité de sûreté nucléaire) scovata vicino ad una saldatura nel sistema di iniezione di sicurezza del reattore 1 della centrale elettrica di Penly.
Partendo da questa, sono state successivamente indagate e confermate crepe simili anche al reattore 2 di Penly e 3 di Cattenom. Al momento la società sta cercando riscontri simili in altri reattori, ma nel frattempo l’ASN ha chiesto a EDF di rivedere la propria programmazione da fonte nucleare sul 2023. Ad oggi la produzione stimata dalla società francese sarebbe tra i 300 e i 330 TWh sull’anno. La curva power ha subito una forte spinta al rialzo proprio a causa del timore che EDF riduca la propria programmazione di nucleari disponibili sull’anno. Il CAL23 francese è tornato a scambiare sopra i 200 €/MWh, livelli che non si vedevano da fine gennaio. Gli altri paesi seguono il driver rialzista francese.
Outlook: bullish
EUA
Il prezzo del contratto EUA DEC23 ieri sera ha chiuso a 95,51 €/ton in forte discesa rispetto al close di venerdì a 100,2 €/ton. Le preoccupazioni per le interruzioni prolungate delle centrali nucleari francesi di EDF (sono state trovate alcune crepe in alcuni reattori) sono state il fattore di supporto per la salita dei prezzi EUA di venerdì. Il driver principale della caduta dei prezzi di ieri è stato il sentimento nervoso nei mercati azionari. Ci sono state forti perdite su tutti gli indici azionari a causa del fallimento della Silicon Valley Bank. Il crollo del sentiment macro potrebbe spingere alcuni investitori a scaricare le loro posizioni EUA per incassare per sostenere la liquidità, esercitando pressioni sui prezzi EUA. Una certa pressione potrebbe provenire da volumi d’asta più elevati questa settimana.
Ci saranno cinque aste questa settimana, compresa l’asta polacca bisettimanale. La Commissione europea pubblicherà il prossimo aggiornamento sull’assegnazione gratuita per il 2023 il 17 marzo. I volumi di trading sono rimasti stabili rispetto alla scorsa settimana, con volumi giornalieri compresi tra 16 e 20 Mt per il contratto DEC su ICE. Gli ultimi dati di Commitments of Traders mostrano che i fondi di investimento hanno continuato ad aumentare le loro posizioni lunghe nette, che ora sono a 20 Mt al 3 marzo, rispetto ai 19,8 Mt della settimana precedente. Ciò ha in parte spiegato il movimento al rialzo sostenuto dei prezzi EUA nelle ultime settimane.
Outlook: sideways

Weekly outlook Ali Energia – settimana 08


28-02-2024

Power: questa mattina il cal tedesco scambia appena sotto i 70 €/MWh, mentre quello italiano potrebbe aprire introno agli 85€/MWh.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 07


20-02-2024

Power: un trend decisamente bearish partito da più di dieci giorni sul prezzo dell’EUA, spinge al ribasso la curva power, con particolare accelerazione su quella tedesca. Il cal in Germania ha perso il 5% rispetto a martedì della scorsa settimana. Questa mattina il cal italiano ha aperto a 84,75 €/MWh in calo di quasi il 4% rispetto a sette giorni fa.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 06


14-02-2024

I livelli di stoccaggio sono solidamente alti in tutto il vecchio continente. Questa mattina il mese di Marzo TTF scambia a 26,08 €/MWh

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 05


07-02-2024

Altra settimana poco invernale per Italia, Francia e Germania mentre strascichi di freddo restano su UK. Un nuovo abbassamento delle temperature sembra ad oggi in previsione per l’Italia dal 16 di febbraio mentre pre la Francia già da lunedì prossimo.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 04


31-01-2024

Questi primi tre giorni di questa settimana sono gli ultimi di freddo stagionale perché a partire dalla prossima week partirà una bolla calda che porterà con sé anche vento e precipitazioni scarse.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 03


23-01-2024

Un inizio di anno sicuramente più in linea con le temperature stagionali con picchi di freddo ben sotto media. Le previsioni di lungo periodo però ci riportano al solito copione letto per tutto l’inverno, ovvero temperature sopra la media e risorse rinnovabili abbondanti. La produzione Norvegese tiene flussi stabilmente alti senza particolari problemi su nessun impianto.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 50


19-12-2023

Persiste un meteo bearish su questa seconda metà di dicembre, con temperature poco in linea con il clima natalizio.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 48


05-12-2023

Gas: questa mattina il mese di gennaio TTF scambia a 39,7 €/MWh (PSV-TTF -1€/MWh) mentre la SUM24 TTF a 39,465 €/MWh (PSV-TTF 0,7 €/MWh).

Leggi di più

Premio “Cambiamenti”


01-12-2023

Iniziativa di CNA, “Cambiamenti” ha l’obiettivo di creare connessioni in un sistema economico che non può prescindere dall’innovazione. Dieci le giornate di qualificazione – dal 17 al 27 novembre

Leggi di più