News

Tutte le novità dal mondo dell’energia

Iscriviti alla newsletter o segui le nostre news per tenerti sempre aggiornato sui più recenti bandi nel settore energia, sulle novità normative e sugli interventi di efficientamento energetico che abbiamo realizzato.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ALI ENERGIA

Indietro

Weekly outlook Ali Energia – settimana 45


22-11-2022

Panoramica mercati

La settimana del mercato azionario è iniziata in modo noioso con mercati azionari laterali in Europa ieri e cali moderati negli Stati Uniti (S&P 500 -0,4%, Nasdaq -1,1%). 
I future USA sono sostanzialmente invariati mentre le borse asiatiche sono contrastanti, con cali a Hong Kong ma guadagni per Shanghai e Giappone. Le preoccupazioni per le restrizioni covid inasprite in Cina, dopo i nuovi focolai questo fine settimana, continuano a pesare sul sentimento del mercato azionario. A Pechino parchi, centricommerciali e musei hanno chiuso oggi mentre diverse grandi città reintroducono i test di massa sui residenti. Secondo Reuters, il numero di nuovi casi è ora tornato all’incirca agli stessi livelli di aprile e nel fine settimana e all’inizio della settimana sono stati segnalati un totale di cinque decessi, i primi da maggio.
Il nuovo governo italiano ha concordato ieri la nuova finanziaria da quasi 35 miliardi di euro con principalmente un aumento del sostegno energetico per le famiglie e le imprese, ma anche riduzioni dell’IVA, riduzione dei contributi del datore di lavoro, riduzione delle tasse sui lavoratori autonomi e riduzione dell’età pensionabile per le persone che lavorano da più di 40 anni. Il nuovo bilancio dovrebbe aumentare il disavanzo di bilancio il prossimo anno al 4,5% del PIL, rispetto alla precedente previsione del 3,4% di settembre, ma sarà anche parzialmente finanziato con un’imposta temporanea sugli utili delle società energetiche in linea con le proposte del Commissione europea e restrizioni sull’attuale stipendio di cittadino. Il bilancio passerà ora al parlamento, che dovrà approvarlo entro la fine dell’anno.

Oil

Il prezzo del Brent è sceso bruscamente ieri dopo un articolo del Wall Street Journal secondo cui l’Arabia Saudita e altri produttori di petrolio stanno discutendo di aumentare l’offerta di petrolio di 500.000 barili al giorno alla prossima riunione del 4 dicembre, annullando così parzialmente i tagli alla produzione precedentemente decisi di 2 milioni di barili al giorno. La notizia è stata smentita nella notte dall’Arabia Saudita, che ha fatto rimbalzare il prezzo del petrolio al livello iniziale di 87-88 dollari dopo essere stato ai minimi intorno agli 83 dollari. I time spread della curva si sono significativamente ridotti a 0,4 $/b tra i primi due contratti (gennaio-febbraio). Tra gennaio 2023 e gennaio 2024, la backwardation è scesa a 6 $/b, cosa che non accadeva da gennaio. La tensione resta alta sul diesel con un crackspread Ice diesel-Brent vicino a 40 $/b. I sindacati olandesi minacciano di bloccare il riavvio della più grande raffineria d’Europa se BP non soddisferà le loro richieste salariali entro mezzogiorno di mercoledì. Outlook: sideways

Gas

Il calo delle temperature porta a testare le prime erogazioni con la domanda invernale ridotta per l’effetto prezzi. Il sistema europeo sembra esser in grado di gestire così il proprio bilanciamento, non senza qualche problemino sulla supply norvegese (risolto nel weekend). I prezzi del mercato a pronti e dei contratti forward trovano un nuovo equilibrio. Il JKM al momento non sembra ancora esser supportivo (molto scarica anche la domanda asiatica), anche se il ritardo nella ripartenza del liquefattore americano di Freeport potrebbe rendere il mercato LNG più tight e reinnescare un movimento rialzista. Nel frattempo la Commissione Europea dovrebbe, questo giovedì 24 novembre, presentare un gas price cap per il prodotto month-ahead scambiato nelle borse, a cui non sarebbe soggetto però il mercato OTC (over the counter) e lo spot.

Da segnalare, infine, che poche ore fa Eni ha annunciato una manutenzione non programmata presso la stazione di Mellitah, con azzeramento dei flussi dalla Libia in ingresso a Gela.

Questa mattina il mese di dicembre TTF scambia a 115,00 €/MWh (PSV-TTF dicembre -6,00 €/MWh) mentre il Q123 TTF a 123,00 €/MWh (PSV-TTF Q123 -3,50 €/MWh). Outlooksideways

EUA

Volumi d’asta leggermente più alti questa settimana potrebbero esercitare una certa pressione al ribasso sui prezzi EUA. Questa settimana si svolgeranno cinque aste, portando sul mercato un totale di 12,5 milioni di tonnellate, compresa l’asta polacca bisettimanale. Le recenti aste hanno visto una domanda piuttosto debole, chiudendo a sconto rispetto ai prezzi del mercato secondario mentre il bid-cover-ratio è sceso al di sotto di 2. A sole quattro settimane dalla scadenza dei futures EUA del 22 dicembre, i trader potrebbero continuare ad aggiustare le posizioni.

I volumi di block trading si sono mantenuti a livelli elevati nelle ultime sessioni, compresi tra 5 e 10 milioni di tonnellate. Ciò, combinato con il costante calo degli interessi aperti per il contratto del 22 dicembre, potrebbe implicare il riposizionamento di fine anno e la potenziale rimozione delle coperture da parte delle utility. Inoltre, anche i movimenti nelle opzioni EUA di dicembre potrebbero avere qualche impatto. I dati Commitment of Traders di mercoledì scorso hanno mostrato che le posizioni lunghe nette dei fondi di investimento sono rimaste pressoché invariate a 8 milioni di tonnellate, dopo che la scorsa settimana hanno ridotto le loro posizioni lunghe e corte di 2 milioni. Outlook: sideways

Power

Questa settimana vede un abbassamento repentino delle temperature che, ad oggi, potrebbe estendersi anche sulla prossima andando a sostenere i prezzi sui primi giorni di dicembre. La prossima week, inoltre, sembra bullish anche dal punto di vista della produzione rinnovabile, con precipitazioni e vento ben al di sotto della media stagionale. Questa settimana è segnata dall’importante incontro dei Ministri dell’Energia a livello europeo che si terrà questo giovedì 24 di novembre. In questa seduta si dovrebbe delineare meglio il temporaneo price cap ai prezzi del gas, che, a quanto pare dalla bozza, sarebbe previsto solo per il front month TTF futures e deciso con cadenza mensile.

Nel frattempo si sta declinando a livello nazionale, il tetto ai ricavi di mercato derivanti da produzione di energia rinnovabile a 180 €/MWh, come precedentemente deciso in sede europea. Inoltre viene incrementata la tassazione degli extraprofitti delle società energetiche che passa dal 25% al 35%, estendendola fino al 31 luglio 2023 e utilizzando come base imponibile non più il fatturato ma gli utili. I CAL23 power, tedesco e italiano, riescono al momento a tenere come supporto la media mobile a 200 periodi, proseguendo nel movimento sideways delineato nelle scorse settimane. Outlook: sideways


Weekly outlook Ali Energia – settimana 04 2023


31-01-2023

Deciso abbassamento delle temperature sulla prossima settimana. L’ultimo run a 45 giorni ci mostra una prima settimana di febbraio con temperature che potrebbero andare molto al di sotto della media stagionale.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 03 2023


24-01-2023

Gli spread Germania-Italia sulla curva si stanno allargando rispetto all’inizio dell’anno, e anche lo spread sul cal 2024 torna positivo, rispetto alla partenza a quasi -30 €/MWh di inizio 2023

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 02 2023


17-01-2023

Temperature sotto media stagionale per questa settimana portano il carico a salire repentinamente. Outlook: sideways-bearish

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 01 2023


10-01-2023

Inizio di anno molto tranquillo per i prezzi spot power un po’ovunque e, in particolare, in Francia e Germania.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 47


13-12-2022

Si avvicina il traguardo per il mercato azionario 2022.

Dicembre normalmente è un mese positivo per i mercati azionari statunitensi.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 46


06-12-2022

I dati Commitment of Traders di mercoledì scorso hanno mostrato che la settimana terminata il 25 novembre ha visto un aumento di 4,6 milioni di tonnellate su base settimanale delle posizioni lunghe nette dei fondi di investimento.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 45


22-11-2022

Power: questa settimana vede un abbassamento repentino delle temperature andando a sostenere i prezzi sui primi giorni di dicembre.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 44


15-11-2022

Il brent stamattina viene scambiato intorno ai 92 $/b. I prezzi del petrolio durante la settimana scorsa hanno inizialmente beneficiato del generale movimento al rialzo degli asset rischiosi dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti giovedì che ha portato a una revisione al ribasso delle aspettative di inasprimento monetario della Fed.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 43


08-11-2022

Dopo un riavvicinamento verso la media stagionale delle temperature, lo scorso weekend, il meteo torna ad essere decisamente mild per le prossime settimane.

Leggi di più