News

Tutte le novità dal mondo dell’energia

Iscriviti alla newsletter o segui le nostre news per tenerti sempre aggiornato sui più recenti bandi nel settore energia, sulle novità normative e sugli interventi di efficientamento energetico che abbiamo realizzato.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ALI ENERGIA

Indietro

Weekly outlook Ali Energia – settimana 47


13-12-2022

Panoramica mercati

Si avvicina il traguardo per il mercato azionario 2022. Dicembre normalmente è un mese positivo per i mercati azionari statunitensi. Tuttavia la situazione quest’anno e nel 2023 è tutt’altro che normale. L’S&P 500 è sceso dello 0,7% venerdì (-3,6% finora a dicembre) a causa dei continui timori sulla crescita e dell’inflazione PPI degli Stati Uniti che ha aumentato il rendimento dei decennali statunitensi di 10 punti base al 3,58%.
L’importante CPI statunitense di domani e le decisioni sui tassi della banca centrale di questa settimana determineranno se ci sarà ancora un rally per questa fine del 2022. L’inflazione e le aspettative di inflazione sono ancora troppo elevate. La probabilità maggiore versa ancora verso un incremento dei tassi per 50 punti base, anche se, il mercato del lavoro forte non esclude del tutto un incremento di 75 punti base. Le questioni fondamentali ad oggi sono il livello terminale del tasso di interesse di riferimento e a partire da quando si potrà procedere nuovamente verso un taglio dei tassi.
Nel frattempo in Asia c’è stata un’inversione di marcia e la Cina ha rivisto le sue politiche nella lotta al Covid con meno restrizioni e test. Le preoccupazioni della Cina per le malattie e la morte, così come le interruzioni della produzione, rischiano di creare continui problemi economici. Giovedì parte l’importante “Central Economic Work Conference” della Cina, che getterà le basi per una politica economica che darà una spinta alla crescita e fisserà nuovi obiettivi per il 2023. Il primo vero banco di prova della nuova strategia Covid della Cina dovrebbe arrivare in collegamento con il capodanno cinese che inizia il 22 gennaio (Anno del coniglio).

Oil

Lunedì mattina, entrambi i principali benchmark del prezzo del petrolio si sono spostati leggermente al rialzo dopo un calo al livello più basso del 2022 visto la scorsa settimana. I prezzi sono aumentati poiché l’oleodotto Keystone di TC Energy è rimasto chiuso dopo la fuoriuscita di petrolio negli Stati Uniti.

Anche la minaccia del presidente russo Vladimir Putin di tagliare la produzione di petrolio in risposta al tetto massimo del G7 sulle esportazioni di greggio russo questa mattina sostiene i prezzi. In un aggiornamento pubblicato domenica sul suo sito Web, TC Energy ha affermato che sta ancora indagando sulla causa e che non è stata ancora confermata alcuna tempistica. Il servizio riprenderà solo dopo l’approvazione del regolatore.

Mercoledì sono stati versati 14.000 barili di greggio in un torrente del Kansas, rendendo questo uno dei più grandi sversamenti di greggio negli Stati Uniti in un decennio. Allo stesso tempo, è stato interrotto il flusso di oltre 600.000 barili al giorno di petrolio canadese verso i principali centri di stoccaggio e raffinerie statunitensi.

Outlook: sideways

Gas

Sessioni fortemente volatili quelle degli ultimi giorni sul mercato gas, con i prezzi dei contratti di gennaio TTF che si sono mossi tra i 150 e i 127 €/MWh (minimo della giornata di lunedì). Al forte rischio congestione del mercato a pronti prezzato la settimana scorsa sui giorni in corso, han fatto seguito forti svendite per prese di profitto e, in particolare nell’ultima giornata di trading, sembra prevalere una pressione ribassista, visto il rilassamento del mercato power (francese ma non solo) nei giorni in cui il carico doveva esser più alto. I prezzi guardano anche alla prossima settimana in cui le temperature tornano gradualmente a gravitare sulle medie stagionali e le feste natalizie allontano i rischi di complicate sessioni di bilanciamento.

L’alta domanda di questi giorni viene compensata da una supply forte anche grazie alle erogazioni da stoccaggio. Flusso Norvegese, LNG e flussi nordafricani sempre protagonisti, ma dai consuntivi sulla domanda trapela un 10-20% di correzione a ribasso della correlazione normale consumi-temperature.

La sessione di lunedì in chiusura per il contratto di gennaio TTF scambia a 135,00 €/MWh (PSV-TTF dicembre -3,50 €/MWh) mentre la SUM23 TTF a 137,50 €/MWh (PSV-TTF sum23 -0,75 €/MWh).

Outlooksideways

EUA

Il prezzo EUA potrebbe ricevere un po’ di supporto dall’incremento di generazione fossile in previsione, a causa dell’ondata di freddo che interessa quasi tutta l’Europa, unita alla carenza di vento questa settimana. L’imminente scadenza delle opzioni Dec 22 il 14 dicembre potrebbe limitare la propensione al rischio dei partecipanti. Anche i segnali delle previsioni meteorologiche e dei mercati azionari non sono di supporto.

Ulteriori indicazioni potrebbero venire dalle notizie e dalle discussioni dei colloqui a tre di REPowerEU e ETS di questa settimana. Il livello di 88,55 €/t rimarrà una forte resistenza, mentre il supporto si trova nell’area tra 85-86 €/t.

Outlook: bullish

Power

Il meteo decisamente supportivo su questa settimana darà un buon sostegno ai prezzi spot un po’ in tutta Europa. Le temperature si fanno particolarmente rigide e a ciò si unisce la scarsità di produzione eolica. Il mix delle due componenti determinerà un incremento della produzione di energia da fonti fossili portando a possibili spike di prezzo. Oggi si terrà l’incontro a Bruxelles dei Ministri dell’Energia. All’ordine del giorno la proposta di un regolamento del Consiglio relativo a un meccanismo temporaneo di correzione del mercato del gas.

La proposta prevede una misura temporanea di emergenza basata sull’articolo 122 del trattato, che introduce un meccanismo di correzione del mercato riguardo al prezzo di alcuni scambi di gas nel quadro del Title Transfer Facility (TTF); il meccanismo potrebbe essere attivato e disattivato quando sono soddisfatte determinate condizioni di mercato e sospeso se necessario. La curva power è in fase di rilassamento probabilmente a causa del mancato tentativo di spike di prezzo sullo spot, per ora, che deve aver deluso le aspettative del mercato.

Il meteo rigido di questa prima parte di dicembre si pensava avrebbe causato molti più tensioni. Inoltre la prossima settimana sembra che le temperature possano gradualmente tornare verso la media stagionale.

Outlook: sideways


Weekly outlook Ali Energia – settimana 04 2023


31-01-2023

Deciso abbassamento delle temperature sulla prossima settimana. L’ultimo run a 45 giorni ci mostra una prima settimana di febbraio con temperature che potrebbero andare molto al di sotto della media stagionale.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 03 2023


24-01-2023

Gli spread Germania-Italia sulla curva si stanno allargando rispetto all’inizio dell’anno, e anche lo spread sul cal 2024 torna positivo, rispetto alla partenza a quasi -30 €/MWh di inizio 2023

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 02 2023


17-01-2023

Temperature sotto media stagionale per questa settimana portano il carico a salire repentinamente. Outlook: sideways-bearish

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 01 2023


10-01-2023

Inizio di anno molto tranquillo per i prezzi spot power un po’ovunque e, in particolare, in Francia e Germania.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 47


13-12-2022

Si avvicina il traguardo per il mercato azionario 2022.

Dicembre normalmente è un mese positivo per i mercati azionari statunitensi.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 46


06-12-2022

I dati Commitment of Traders di mercoledì scorso hanno mostrato che la settimana terminata il 25 novembre ha visto un aumento di 4,6 milioni di tonnellate su base settimanale delle posizioni lunghe nette dei fondi di investimento.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 45


22-11-2022

Power: questa settimana vede un abbassamento repentino delle temperature andando a sostenere i prezzi sui primi giorni di dicembre.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 44


15-11-2022

Il brent stamattina viene scambiato intorno ai 92 $/b. I prezzi del petrolio durante la settimana scorsa hanno inizialmente beneficiato del generale movimento al rialzo degli asset rischiosi dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti giovedì che ha portato a una revisione al ribasso delle aspettative di inasprimento monetario della Fed.

Leggi di più

Weekly outlook Ali Energia – settimana 43


08-11-2022

Dopo un riavvicinamento verso la media stagionale delle temperature, lo scorso weekend, il meteo torna ad essere decisamente mild per le prossime settimane.

Leggi di più